Franco Terpin

Franco, assieme alla figlia Valentina, coltiva con metodi naturali 10 ettari vitati a San Floriano del Collio, sul confine con la Slovenia, il suo terreno è composto da una roccia calcareo argillosa friabile chiamata ponka, derivata dalla marna arenaria. I suoi vini gli somigliano, per struttura e carattere: è un contadino statuario e forte, orgoglioso delle sue origini, laborioso e rigoroso, ma sempre aperto al dialogo e allo scherzo. I vitigni più caratteristici sono la ribolla gialla, il tocai friulano (da lui rinominato jakot), il pinot grigio, la malvasia istriana e integrati dallo chardonnay, sauvignon, merlot e cabernet sauvignon. Vinifica tutti i vini a bacca bianca con qualche giorno di contatto con le bucce per estrarre maggiori profumi e dare una struttura più complessa ai vini. Ne ricava tre linee da differenti selezioni in vigna, la migliore prende il nome dalla zona in cui si trova il vigneto: il Sialis, 3 ettari vitati circondati dal bosco, sul versante sud del monte Calvario. Gli altri vigneti si trovano vicino alla casa-cantina e danno vita al Quinto Quarto, il vino base, e alle selezioni dei diversi vitigni vinificati ed imbottigliati separatamente.

Altri vini della stessa cantina